Il Galaxy S11 avrà molto in comune con il Galaxy Note 10, con l’unica differenza che non sarà compatibile con la S-Pen. Secondo le prime indiscrezioni, il nome in codice di questo nuovo top di gamma è Picasso: lo smartphone sarebbe ancora in fase di test nei laboratori del produttore sudcoreano. Da quanto si apprende sul web, il Galaxy S11 somiglia molto al Galaxy Note 10, il phablet che è stato presentato qualche settimana fa.

Le somiglianze fra il Galaxy S11 e il Galaxy Note 10

Le somiglianze partono dal colore e dalla factory form, ma anche le specifiche tecniche non sono diverse.

I colori disponibili dovrebbero essere quattro: Blue, Pink, Black e White (ma potrebbe esistere anche la variante “Aura” con colori cangianti).

Dello schermo non sono note le dimensioni ma dovrebbe presentare un foro all’interno (più piccolo rispetto a quelli del passato) che ospiterebbe la fotocamera anteriore più i vari sensori per lo sblocco con il riconoscimento facciale.

Le specifiche tecniche, invece, vedono il Galaxy S11 disponibile in quattro diversi tagli di memoria (128 gigabyte, 256 gigabyte, 512 gigabyte e 1 terabyte).

Altre indiscrezioni su Galaxy S11

Sempre secondo indiscrezioni, Galaxy S11 monterà dei moduli con tecnologia UFS 3.0: questo per garantire un’elevata velocità nel trasferimento dei dati.

Lo smartphone, però, dovrebbe perdere il modulo per la scheda micro SD (che era ancora presente nel Galaxy S10). Anche il comparto fotografico verrà migliorato e sarà composto da almeno tre obiettivi.

Infine, come già annunciato l’anno scorso, il Galaxy S11 sarà disponibile in tre diverse versioni che sono note con gli identificativi SM-G981, SM-G986, SM-G988.

Tutti i modelli saranno dotati di connettività 5G e di Android Q 10 con interfaccia personalizzata One UI. Il Galaxy S11, dunque, sarà un’evoluzione del phablet di fascia alta che è considerato, ad oggi, il miglior dispositivo Android esistente.