A partire da domenica 15 maggio, tutti i clienti TIM che hanno sottoscritto un piano consumer prepagato e che hanno all’attivo un’offerta 3G, possono passare gratuitamente alle reti 4G LTE. Per quanto i risultati già raggiunti siano senz’altro importanti, lo scopo di TIM è quello di confermare il proprio impegno ‹‹nella digitalizzazione del Paese›› e di farlo appunto anche tramite questo cambiamento.

Passaggio non automatico: come fare? 

Il passaggio alla connessione ultraveloce, però, non sarà automatica: è l’utente a doverla abilitare tramite una procedura predisposta sul sito ufficiale del gestore. Il motivo di questo salto di qualità? Quello di ‹‹mettere a disposizione dei clienti TIM un’infrastruttura più veloce e affidabile, capace di rispondere alla domanda di banda ultra larga mobile e di migliorare la navigazione Internet e la fruizione di contenuti in video streaming››.

Si tratta di una gran bella novità per tutti coloro i quali fanno uso di uno smartphone o di un tablet per navigare in Internet e che dal vecchio 3G potranno ora passare al 4G senza alcun sovrapprezzo. Navigazione più veloce, dunque, per una rete peraltro più stabile e meno congestionata.

Sulla base dei dati diffusi, il 4G di TIM raggiunge oggi oltre il 91% della popolazione e vanta una presenza capillare in 6.300 comuni. L’obiettivo è comunque quello di portare la sua presenza al 98% del territorio nazionale entro il 2018.

Antonio Osso